SEMI DI PAPAVERO

I semi di papavero possono essere bianchi o neri, e come tutti i semi oleosi (semi di lino, di girasole ecc.), rappresentano una ricca fonte di grassi e proteine. Sin dall'antichità sono conosciuti per il loro effetto calmante e sedativo, ma le loro proprietà vanno ben al di là di queste. Scopriamole insieme! 

Proprietà benefiche 

I semi di papavero, come già accennato, hanno un effetto sedativo, seppur blando, sul sistema nervoso, sono cioè utilizzati come rimedio naturale contro l'ansia e lo stress

Il contenuto di calcio è un valido aiuto per la salute dei nostri denti e delle nostre ossa, soprattutto per le donne in menopausa. 

Sono una preziosa riserva di manganese, che combatte l'azione dannosa dei radicali liberi contro l'invecchiamento, e contribuisce a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue. Alto è anche il livello di altri sali minerali quali rame, selenio e fosforo.

I semi di papavero contengono l'acido linoleico, un acido grasso essenziale omega6 che contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo totale nel sangue. Questo è a sua volta ottenuto grazie anche alla presenza dei fitosteroli. Quindi costituiscono un valido aiuto per la prevenzione di malattie cardiovascolari.

Molto elevata nei semi di papavero è la presenza di vitamine del gruppo B, quali tiamina, acido pantotenico, riblofanina e soprattutto il folato (acido folico per intenderci), fondamentale per la produzione e il mantenimento delle nuove cellule e in particolar modo nei periodi di rapida crescita come l'infanzia e la gravidanza. Sia gli adulti che i bambini hanno bisogno del folato per produrre normali globuli rossi e per prevenire l’anemia. Piccole quantità anche di vitamina C ed E.

Effetti collaterali

Raramente i semi di papavero hanno delle controindicazioni, soprattutto in virtù della quantità scarsa che giornalmente se ne può assumere, tuttavia l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha divulgato un parere scientifico secondo cui questi semi potrebbero essere pericolosi per la presenza di alcaloidi tossici. Rassicuriamo che è altrettanto vero il fatto che i processi di lavorazione di questi semi, causano una diminuzione di questi alcaloidi del ben 90%. 

In ogni caso se ne sconsiglia l'assunzione alle donne in gravidanza e bambini (soggetti in cui si possono verificare sonnolenza e problemi respiratori) e all'interno di una dieta ipocaorica, poichè i semi di papavero sono un alimento abbastanza calorico.

Usi in cucina 

Come gli altri semi oleosi, i semi di papavero trovano maggiore applicazione sui prodotti da forno e da pasticceria (pane,  focacce, grissini, biscotti e torte). Ottimo è anche l'abbinamento con gli agrumi (arance e limoni). 

Con i semi di papavero si possono preparare degli ottimi "curry" personalizzati, schiacciandoli in un mortaio con altre spezie a piacere quali il coriandolo, i semi di chia, lo zenzero in polvere, il cumino, la curcuma, il coriandolo ecc. 

Ottimi anche per realizzare delle tisane contro l'insonnia: le proprietà rilassanti dei semi di papavero sono infatti un valido aiuto per dormire. Basta tenere in infusione per circa 5' due cucchiaini di semi di papavero una ventina di minuti prima di andare a letto, filtrare e bere, e l'effetto rilassante sarà garantito!