NOCI

Le noci, si raccolgono da metà settembre fino a metà ottobre. Questi frutti, e in generale la frutta secca, sono note per le loro innumerevoli proprietà benefiche. Vediamo quali..

Proprietà benefiche e nutrizionali

Come tutti sanno, le noci hanno un apporto calorico piuttosto alto, infatti si può parlare di ben 650 Kcal ogni 100gr. Tuttavia, del 60% dei grassi che contengono - e che spiega il valore calorico elevato di questi frutti - la maggiorparte sono monoinsaturi, cioè quelli considerati positivi per la salute, come gli omega 3 e gli omega 6, conosciuti per la loro benefica azione di controllo dei livelli di trigliceridi e di colesterolo nel sangue, e per prevenire problemi cardiovascolari quando inseriti in una dieta equilibrata ed uno stile di vita sano. 

Le noci contengono anche una sostanza nota con il nome di arginina, che contribuisce notevolmente a prevenire l'arteriosclerosi

Alle noci si individuano ottime quantità di minerali (come potassio, fosforo, magnesio, ferro e calcio) e di vitamine (come la B1, B2, B6 e la E), molto significative per le loro funzioni antiossidanti volte a migliorare il processo di invecchiamento.

Le noci inoltre sono un ottimo alleato contro lo stress e gli sforzi fisici e mentali molto intensi. Assumere qualche noce in questi casi può aiutare, giacchè i grassi polinsaturi in esse contenute tengono sotto controllo la pressione sanguigna. 

Le noci sono consigliate anche per le donne in gravidanza, per la quantità di vitamine e gli omega 3, indispensabili per mantenere l'equilibrio ormonale dell'organismo e per le funzioni del sistema immunitario. Inoltre i grassi polinsaturi aiutano aiutano il sistema nervoso ed alcune parti degli occhi del feto a svilupparsi in modo corretto. 

Le noci sono consigliate per tutte quelle patologie in cui vi è una carenza di zinco, come i problemi alla prostata, contrastandone l'acutizzazione. Questa carenza potrà essere compensata assumendo 4-5 noci al dì, meglio se fuori dai pasti. 

Infine, mangiare 4 noci al giorno ci permetterebbe di assimilare il quatitativo di omega 3 che otterremmo con il consumo regolare di pesce, e gli acidi grassi omega3 alleati contro la prevenzione del tumore al seno.