FAVE FRESCHE

Le fave sono state utilizzate dall'uomo come alimento fin dal Medioevo, quando costituivano l'alimento principe per le classi più povere, successivamente soppiantato - con la scoperta del nuovo continente - dai fagioli ed altri alimenti. 

Proprietà benefiche

Le fave sono ricche di proteine, fibre e sali minerali quali potassio (200 mg), ferro (1,7 mg), fosforo (93 mg) e calcio (21 mg). Tra le Vitamine troviamo più abbondante la Vitamina A, utile a prevenire alcuni tipi di cancro, ad aiutare nella crescita e nello sviluppo, oltre che ad aumentare il funzionamento immunitario; in minor dose, troviamo anche la Vitamina C ed alcune Vitamine del gruppo B. Le fave svolgono un'azione energizzante, diuretiche e lassativa grazie alle fibre in esse contenute. Sono inoltre indicate nel caso di probleatiche all'apparato urinario, in caso di calcolosi e in soggetti debilitati o affaticati dal punto di vista sia fisico che mentale.

Come conservare le fave

Le fave al momento dell'acquisto devono presentare baccelli integri e sodi. Quando ancora non sono state sgranate, si possono conservare 2-3 giorni in frigo nello scompartimento di frutta e verdura prima del consumo, mentre possono essere congelate dopo averle sgranate e aver eliminato la piccola escrescenza presente su ogni seme. Vanno quindi sbollentate per circa 3' e poi ben scolate e asciugate. Conservatele in sacchetti appositi e voilà...le avrete a disposizione anche quando non sono più di stagione!